Thémis 2 [filastrocca (in)contemporanea]

Posted: December 8, 2012 in Humor, Pillole di Me
bilancia_
L’enunciato che perpetua inganno in atto a non finire
finisce esso stesso in poltiglia per essere scaricato giù
nel patetico basso e lasso ormai consumato e privo  di tela, telorum
Prima attizza stizza e che pizza! credendo di far fesso il mondo intero e vero
[e mica si usa la partita-doppia-sdoppia?] con l’uso ri-uso e (s)consumo del verbo
senza saper che Dike [Δίκη] o  Thémis [Θέμις] tutto giudica e parola non la incanta
perché è lei che canta e sempre sa dove andare a eximare
[eximere per i latinisti, qui refuso per i rima[nisti]!].
Ma che cosa vuole ancora la parola-non-parola insalivata e mal truccata?
La figura è fatta! La menzogna è tratta! Qui non attacca!
E giù a non finire con enclisi proclisi e clitici.
Brucia la scoperta dell’atto vero in tutta legalità/lealtà? 
e allor! oh parola sfratta putrefatta e matta allontanati da me – qui,  lì,  su, giù  – 
che  tanto in frase nominale, scissa o idiolètta cadi sempre mal-letta.
C’è bisogno di traduzione? 
[PB Dicembre 2012]

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s