Archive for December, 2012

Francesca-Woodman-006

per troppa vita che ho nel sangue
tremo
nel vasto inverno.

e all’improvviso,
come per una fonte che si scioglie
nella steppa,
una ferita che nel sonno
si riapre,

perdutamente nascono pensieri
nel deserto castello della notte.

creatura di fiaba, per le mute
stanze, dove si struggono le lampade
dimenticate,
lieve trascorre una parola bianca:
si levano colombe sull’altana
come alla vista del mare.

bontà, tu mi ritorni:
si stempera l’inverno nello sgorgo
del mio più puro sangue,
ancora il pianto ha dolcemente nome
perdono.

 

Antonia Pozzi

 

 

sereno natale

Posted: December 24, 2012 in Fotografia, Prosa d'autore


Ma certo che Babbo Natale esiste. 
Solo che non c’è nessuno che possa fare 
da solo tutto quello che deve fare lui. 
E allora il Signore ha distribuito i suoi compiti 
tra tutti noi. 
Per questo noi siamo tutti Babbo Natale. Io. Tu. 
Persino tuo cugino Billy Bob. 
E adesso dormi. 
Conta le stelle. 
Pensa a cose più serene. 
Alla neve, per esempio.”

da Un Natale di Truman Capote


stelle

Posted: December 22, 2012 in Fotografia, Poesia

“ho pena delle stelle/che brillano da tanto tempo”
scriveva Pessoa

versi fatali

Posted: December 16, 2012 in Fotografia, Poesia

Stasi nel buio. Poi
L’insostanziale azzurro
Versarsi di vette e distanze.

Sylvia Plath

sospesa

Posted: December 15, 2012 in Fotografia, mio scatto, Schegge del pensiero

|sospesa|
tra sogno e realtà
scissa nella mia unità
|mi vesto di parole|mi spoglio di metafore|
PB



ph gabrielam


pensiero di dicembre|scritto al volo|senza ali

Quanto li ho amati quei pensieri fatti di carne
quelle parole trasudanti canti
quale entusiasmo!
e se scrivo questi frammenti d’anima
è solo per me e non per altra folla
ignara del mondo intorno e dentro
 
 cuore e neuroni
 diventano amalgama di universo
ma devo pur difendermi
da attacchi e affondi e schiaffi
e spade infuocate sempre pronte
a squarciarmi il  petto
a graffiarmi la gola
|in questi giorni di gelo
incandescenze dei miei imperfetti segni|


io non ti do amore

Posted: December 9, 2012 in Fotografia, Poesia

ph web


Io non ti do il mio amore come fanno
le altre donne, in uno scrigno freddo
d’argento e perle, né ricco di gemme
rosse e turchesi, chiuso, senza chiave;

né in un nodo, e nemmeno in un anello
lavorato alla moda, con la scritta
‘semper fidelis’, dove si nasconde
un’insidia che ottenebra il cervello.

L’Amore a mano aperta, questo solo,
senza diademi, chiaro, inoffensivo: come se ti portassi in un cappello
primule smosse, o mele nella gonna,
e ti chiamassi al modo dei bambini:
– Guarda che cos’ho qui! – Tutto per te –

Edna St. Vincent Milly, da L’amore non è cieco, Crocetti, 1991




.