old father old arteficier…

Posted: September 30, 2012 in Fotografia, Prosa d'autore, Schegge analitiche






Quando un’anima nasce, le vengono gettate delle reti per impedire che fugga. Tu mi parli di religione, lingua e nazionalità: io cercherò di fuggire da quelle reti. 

[James Joyce, Ritratto dell’artista da giovane]





Irlandese purosangue, cattolico per nascita, si ribella contro la religione, ma al di là dell’abiura delle fede compiuta in anni giovanili e mai più ritirata (emblematica è l’apertura dell’Ulysses, in cui Joyce-Stephen, per affermare sé stesso e il suo laicismo, si rifiuta di inginocchiarsi e di pregare dinanzi alla madre morente, e la madre morente lo aveva supplicato di inginocchiarsi e pregare per lei), Joyce rimane scrittore profondamente, intimamente cattolico; dimostrato non solo dall’uso, nelle sue opere, di forme liturgiche e religiose e miti cristiani, ma anche dal suo forte bisogno di ricercare una rinnovata fede nel mito.  Autocondannato all’esilio per motivi ideologici e culturali, per un senso di displacement che avverte nei confronti dell’Irlanda e verso la quale nutre, tuttavia, un rapporto misto odio-amore. l’Irlanda rimarrà comunque e sempre il costante teatro dei suoi scritti.

Statua di James Joyce, Dublino, O’Connell Street, Cafe Ulysses



James Joyce Centre in North Great George’s Street


Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s