pensando a Van Gogh

Posted: September 26, 2012 in Arte, mio scatto, Scuola, Teatro
abcd

La stanza” di Van Gogh ad Arles, riprodotta su carta con pastelli ad olio, Victoria, 14 anni

Ti rendi conto che il filo e’ labile, che l’equilibrio e’ fragile, che niente e nessuno potra’ mai darti la garanzia che cio’ che senti non sia una tua creazione.
E, soprattutto, quanto e’ spiazzante pensare che la pazzia puo’ essere tremendamente lucida, credibile, affidabile. Combattere contro se stessi, detestare i propri pensieri, temere cio’ che possono ordinare. La guerra contro i pensieri.

[Stefano Massini, da L’odore assordante del bianco]

…ed anche un omaggio ai giovanissimi attori della compagnia teatrale ATTIESSE ONLUS, ottimi interpreti de “L’odore assordante del bianco”


 
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s