un giorno e un altro ancora

Posted: July 17, 2012 in Carteggi, Poesia

 

Sciroccoso tu. Il silenzio
procedeva con noi come una seconda,
distinta vita.

 
Io vinsi, perdetti, credevamo
ad oscuri prodigi, ci reggeva, inscritto
grande nel cielo, il ramo, e crebbe
fino alla luna, un mattino
si alzo’ nell’ieri, cogliemmo
quel lume, io piansi
nella tua mano.

 

Ingeborg Bachmann a Paul Celan, Monaco, 16 dicembre 1957, da Troviamo le parole, Nottetempo, 2010

 

 

 

Advertisements
Comments
  1. Ci ha fatto conoscere il lato oscuro ma forse più umano del nostro essere viventi, con i nostri pregi e difetti. Struggente e malinconica ma con insita dentro la speranza. Del cambiamento. E soprattutto capace di mettere al centro della coscienza la poesia, come guida del tempo, una strada maestra anche se si addentra spesso nell'inconoscibile e nel dolore. "Solo tramontare intorno a noi di stelle. Riflesso e silenzio. Ma il canto sulla polvere dopo, alto si levera' su di noi"Felice giornata di sole

  2. Euridice says:

    Con la sua lirica si e' spinta talmente in fondo fino a toccare le viscere dell'anima. Da li' poi la rinascita, il trionfo della 'luce'… nonostante il dolore dell'esistenza.Buon splendido sole anche a te!Più bello della pregevole luna con la sua nobile luce,Più bello delle stelle, illustri decorazioni della notte,Molto più bello dell'infocato apparire di una cometaE a cose assai più belle di tutti gli astri designato,Poiché da lui ogni giorno la vita tua e la mia dipende, è il sole.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s