a bit of Santorini

Posted: June 14, 2012 in Fotografia, mio scatto, Schegge di viaggio

Viky mentre fotografa l’egeo con le isole negli occhi

…dal mare si vedono spuntare imponenti pareti di roccia vulcanica che sembrano spruzzati di neve.  Man mano che l’isola si avvicina le macchie bianche assumono contorni più precisi:  sono case, un groviglio di mura squadrate, finestre, scalinate, archi e terrazzi a picco sul mare che sfidano le logiche spaziali e la legge di gravità.

All’inizio era Strongyle, la tonda, poi i Fenici la chiamarono Kalliste, la più bella, e diventò Santa Irene per i Crociati.  Dopo migliaia di anni e quattordici eruzioni, Santorini, che i Greci continuarono a chiamare Thira, alla maniera degli antichi Dori, resta un’isola dove il vulcano è l’unico dio.  In cima, grappoli di case bianche e ocra si affacciano sull’abisso della caldera.

 
parsimonie di colori

 

Advertisements
Comments
  1. Squilibrato says:

    Ho bisogno di ferie… ho bisogno di mare e dei suoi paesaggi!!!

  2. Unai says:

    Precioso paisaje, me encantaria disfrutar de ese lugar.

  3. Euridice says:

    Eh gia'! tu si che hai capito!!!Un abbraccio 😉

  4. Euridice says:

    These places are just awesome! They are magic, enchented…just like their mythology that I love a lot!

  5. Come Musica says:

    bella! 😉 Complimenti! Hai colto a cosa mi riferisco! 😉 Ti abbraccio forte

  6. Euridice says:

    si certo!…il mio capolavoro 😉

  7. Euridice says:

    Grazie Paola! 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s