il sogno del poeta-cantastorie

Posted: May 29, 2012 in Prosa poetica
Foto Man Ray


Non ti ho chiamata, proprio non l’ho fatto.
Eppure, eppure tu sei arrivata subito, come 
fossi sovraesposta, abbagliandomi. Sarà 
una fiera che azzannerà, sarà il flusso
tagliente delle parole attraverso l’aria 
telefonica, sarà che vorrei non aspettarti,
punendo la presunzione del tuo sorriso.
Ora che non ho mani per aggrapparmi alla
tua lingua liscia e parlo parole mute che si 
feriscono da sole e lacerano esangui tutt’intorno. 
Non ha voce la mia voce per chiamarti, e rimane
impassibile il mio dito indice che non ti clicca,
La mia mente è una rupe irta e il terreno friabile, 
e nel cadere la gola inghiotte chi si è spinto troppo
avanti e, benché impavido, lo risucchia senza sentimento.

Anche i Belgi negli alberghi stanno dormendo.
ma i minuti qua paiono mesi. E’ l’assenza dei sorrisi
che mi paralizza, ma anche il tuo culo che mi manca,
culo che non posso toccare, come non posso toccare
il mondo intero. Almeno avessi la luna con cui rifarmi,
ma lei ora sguscia veloce sotto le sue unghie diafane,
e piano riprende il cammino verso il suo osso scheletrico.

Pronto, mi sei mancato tantissimo…villano! smettila
di parlare del mio culo in pubblico.
…(un sogno)


a.mattei 



Advertisements
Comments

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s