sincronia di emozioni – Hesse/Mattei

Posted: May 26, 2012 in Uncategorized

Foto Alberto Mattei

Alla malinconia
…perché si finge malinconica

Fuggendo da te mi sono dato ad amici e vino,
siccome un fiume con impeto mi ha trasportato

perché dei tuoi occhi oscuri avevo paura,
ho nascosto le mani e ho atteso che riaffiorassero

e nelle braccia dell’amore ed ascoltando il liuto
portandole veloci a pizzicare corde metalliche

ti dimenticai, io tuo figlio infedele.
livellando suoni celesti e rubini

Tu però in silenzio mi seguivi,
e tornavano alti ai pollici

comprendo le ginocchia con le vesti
i tuoi solitari verdi lucenti tra le vigne
ed eri nel vino che disperato bevevo,
e spremevi l’uva tormentosa, tormentando

apparivo scarlatto al tuo sentore
e eiaculavo sudore di(vino)appena pestato

ed eri nel calore delle mie notti d’amore,
violento artefice, artefizio, orifizio, puritano

ed eri anche nello scherno, che t’esprimevo.
Ero presente nelle tue industriose notti stellate.
Ora mi rinfreschi le mie membra sfinite
e soggioghi i fiati rosolati fino alle gambe stanche

ed accolto hai nel tuo grembo il mio capo,
che incupisce il verbo alacre e volitivo&vocativo

ora che dai miei viaggi son tornato:
qui siedo a rimirare uccelli neri come uva

tutto il mio vagare dunque
porterà il segno di stagioni alterne

era un cammino verso di te.
Sottocopia del mio canto migliore.

Herman Hesse (prima riga)
Alberto Mattei (seconda riga)
(maggio2012, inedita)




Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s