Trasparenze

Posted: May 20, 2012 in Prosa poetica, Video


Di nuovo qui a cambiare strada.
Di tante domande che mi sono fatto, 
solo una ha avuto un’ ampia risposta.
Si cambia strada più di una volta nella 
vita e mai, dico mai, è perché tu lo
desideri. Si cambia strada come si cambia
casa; che palle! Ho sempre pensato che 
una casa dovrebbe conservarsi intere generazioni
per una famiglia: per sempre, e che le case 
dovrebbero essere enormi, grandi come delle cattedrali, 
come il cielo stellato, come il tuo cuore. Quindi cambiare 
casa è come cambiare madre: mica lo si può fare! 

Ma poi, alla fine, ti ci abitui; non a cambiare madre, 
ma a cambiare strada e casa… e anche altro.
E pensi che siamo tutti abitanti del mondo e che 
non ci si deve affezionare alle cose ma solo amare 
se stessi: la famiglia. Perché sei tu che rendi speciale 
il luogo dove appoggi la tua giacca o il tuo cappello,
con la serenità che ti porti dietro e dentro. Sei tu
che pianti fiori nella tua nuova casa che hanno lo stesso 
profumo del sorriso dei tuoi figli, tu che dipingi le pareti 
del colore della tua faccia e le finestre con la lucentezza 
dei tuoi occhi. 

I tempi non sono buoni: sono pessimi. Sono tempi
in cui più ti scopri eloquente e più ti redarguiresti per esserlo
diventato. Sono tempi in cui improvvisamente vorresti poter 
ritornare indietro e cambiare tutto e da sognatore diventare

venditore di sogni. Tempi in cui ci si rinnega facilmente, e 
ci si chiede -anche con poca fiducia, a che serve fare ciò
che faccio. Che mi alzo a fare alle cinque per andare a lavorare?
Che dipingo, che scrivo a fare se forse riconosceranno i 
miei meriti solo dopo morto. Io non ho un’esistenza travagliata
non mi drogo, non bevo, non fumo, mi lavo e ci tengo a come 
mi vesto, come farò a dire cose sensate se non ho un senso?

Poi giro la testa e vedo i miei libri. T. Berhardt, J. Kerouak,
S. Plath, G. D’Annunzio, C. Bukowsky, E.E. Cummings, e
subito la parole che ho appena scritto prendono corpo. Grazie 
a loro assumono il senso della coscienza. Io ho attinto la mia 
vita da loro, dalle loro debolezze, le loro incertezze, i loro amori,
le passioni, ma anche le loro manie, i loro odi, le loro esagerazioni. 

Sono loro che mi hanno insegnato
 che la tua casa è una volta stellata senza fine, 
che tutti i tuoi predecessori hanno conosciuto 
e amato, e la tua giusta strada è quella sulla quale stai poggiando 
i tuoi piedi adesso. 

Ecco che non sei più solo con i tuoi pensieri. Ecco che vedi il tuo 
tempo con più magnanimità: ce la faremo, voi statemi solo vicini. 
Così penso che vivrò questa vita ancora più forte di ieri, 

felice giro la testa all’insù e guardo il soffitto di casa mia. 
Tutte le stelle sono accese e non sono lampade dell’Ikea! ma…potrebbero esserlo.
…buonanotte

A. Mattei [inedita]








Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s