Posted: May 9, 2012 in Poesia


O guardo i crepuscoli, le mattine | su Roma, sulla Ciociaria, sul mondo, | come i primi atti della Dopostoria, | cui io assisto, per privilegio d’anagrafe, | dall’orlo estremo di qualche età | sepolta. Mostruoso è chi è nato | dalle viscere di una donna morta. | E io, feto adulto, mi aggiro | più moderno d’ogni moderno | a cercare i fratelli che non sono più.


[Pasolini]

Advertisements
Comments
  1. Mi ricordo la notizia la mattina del 2 novembre '75 e il dolore sdegnato di Moravia:"…abbiamo perduto un Poeta, e poeti non ce ne sono tanti nel mondo…".

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s