IL TEATRO DELL’ASSURDO

Posted: March 2, 2012 in critica, Schegge di riflessione
Non importa in che lingua lo si pronunci. Tutti aspettano Godot. 

Sapendo perfettamente che Godot non arriverà mai. Godot non lo conosce neanche il suo autore, Samuel Beckett, che lo rivelò in una bellissima intervista: “Se lo sapessi, l’avrei detto nel dramma”. 

I personaggi di Beckett non per questo rifiutano di vivere, ma lo fanno senza sapere il perché. 

L’ unica forma di difesa è per essi la parola, nella quale si identificano in una dimensione assurda e per questo a mio avviso ostinatamente reale. il termine assurdo denota quindi certamente una dissoluzione delle strutture narrative del teatro classico, ma sopratutto uno stato d’essere che è un dire di sì alla vita nel suo non senso.

In Aspettando Godot si assiste ad una conversazione densa di significati le cui interpretazioni possibili sono infinite, a partire dall’identità di Godot.
[da Faust, Il mercante di illusioni]

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s